Casa & Decor

Come scegliere i mobili da giardino

mobili-da-giardino-2019

Scopri i materiali più resistenti e di facile manutenzione per i tuoi mobili da giardino, per avere la sicurezza che durino nel tempo.

Che siano tavoli per i nostri pasti in compagnia o salotti per concederci momenti di relax, i fattori che determinano una buona scelta dei nostri arredi sono principalmente due: la scelta della struttura e quella della finitura. Iniziamo a vedere le possibili strutture.

Mobili da giardino: i materiali delle strutture

La struttura è la parte portante che determina la durevolezza e la stabilità di una poltrona, di una seggiola o di un tavolo e principalmente possono essere in legno, alluminio o in ferro. Vediamo le caratteristiche che contraddistinguono questi materiali.

Legno Teak

mobili da giardino teak

Il Teak è un legno tropicale di color miele, duro e resistente all’umidità tanto che viene utilizzato per i rivestimenti delle barche a vela. Ha una vita lunghissima e principalmente si impiega nelle strutture di tavoli e di sedie. L’unico difetto di questo materiale è che essendo un legno, nonostante la sua resistenza, si potrà macchiare più facilmente di altri materiali e con il tempo potrà creare una patina grigia.

Alluminio

mobili da giardino alluminio

L’alluminio è un metallo malleabile, leggero e soprattutto non arrugginisce. La maggior parte degli arredi da giardino hanno la struttura interna in questo materiale perchè è particolarmente resistente alla corrosione, al forte calore e non necessita di particolare manutenzione. Bisogna avere comunque piccole accortezze come tenerlo riparato nella stagione invernale. Esistono tavoli, sedie e divanetti con struttura a vista, anche se spesso viene utilizzato unito ad altre finiture come il rattan, il texilene o il vetro.

Ferro

mobili da giardino ferro

Un altro materiale molto interessante per la sua durata ed estetica è il ferro. Come l’alluminio è studiato per stare all’aperto senza rovinarsi e arrugginirsi, è un materiale leggero e pertanto si riesce a spostare con facilità. I set pranzo sono pensati per essere alla moda e molto spesso sono colorati con tinte di tendenza.

Mobili da giardino: rivestimenti

Il secondo fattore che determina un buon completo pranzo o salotto da giardino è il rivestimento, che va a caratterizzare l’estetica del nostro arredo. Molto spesso i materiali di finitura si differenziano a seconda della funzione dell’arredo: il tavolo per esempio avrà due finiture una per il piano e una per la parte delle gambe. Vediamo quindi le finiture che sono più di tendenza e che allo stesso tempo assicurino durata e stabilità.

Wicker o Rattan

Rattan

Tendenzialmente quando si parla di Rattan o di Wicker si pensa a fibre sintetiche, nonostante abbiano una derivazione dal mondo naturale. Il Wicker non è altro che la parola inglese che indica una struttura di vimini. Questa antica tecnica in cui si intrecciavano i rami giovani di salice per creare ceste e arredi ci è molto famigliare e viene sapientemente ripresa utilizzando polietilene ad alta densità (HDPE). Il Rattan ha lo stesso principio del vimini che invece del salice utilizza la palma rampicante chiamata appunto rattan. La bellezza di questo rivestimento è che non teme i raggi ultravioletti, l’azione degli agenti atmosferici, il cloro, le creme solari. Altro elemento da non sottovalutare è che parliamo di un materiale atossico e riciclabile al 100%.

Vetro Temperato

Il vetro è materiale di finitura per i top dei tavoli, sia quelli da pranzo che quelli da caffè. Il vetro temperato ha un’ottima resistenza, ha infatti subìto un processo di lavorazione tale da non essere sensibile ai graffi. Resistente al caldo e alle intemperie, diventa estremamente versatile e può avere diversi effetti grazie anche alla stampa 3D che ricrea piani in legno o marmo.

Texilene

rivestimento sedie texilene

Arriviamo ai tessuti, il texilene è un materiale innovativo di origine sintetica e pressoché indistruttibile. Questo materiale è composto da una fibra dalla robustezza eccezionale e che garantisce una tenuta massima contro strappi ed usura. Ha una grandissima resistenza agli sbalzi di temperatura, ai raggi UV, alla salsedine e al cloro. Ha anche un bell’effetto visivo che ricorda la trama di un vero e proprio tessuto naturale. Il texilene viene utilizzato perlopiù per il rivestimento delle sedute di sedie e sdraio o lettini prendisole.

Batyline

Il Batyline è una lavorazione speciale di tessuto in poliestere studiato appositamente per combinarsi con i materiali dell’arredo giardino. Oltre alle proprietà del Texilene il Batyline ha un’ottima ventilazione e il tessuto si mantiene sempre fresco anche se esposto al sole. Risulta essere molto pratico anche nella sua manutenzione, quando si laverà dopo aver usato acqua e sapone, basterà lasciarlo all’aria e si asciugherà in pochi minuti.

Poliestere

rivestimento cuscini poliestere

Per il rivestimento di cuscini e materassini delle sedute dei nostri mobili da giardino molto spesso si usa il poliestere, materiale un po’ più delicato in quanto rischia di macchiarsi con sostanze grasse e coloranti. Risultano però più performanti rispetto ai tessuti naturali molto più delicati e di difficile manutenzione.

Questi sono i pregi dei materiali dei mobili da giardino, certo è che oltre alla resistenza della struttura e del rivestimento devono essere anche in linea con i nostri arredi interni e la nostra idea di giardino. Determineranno anche la scelta dei complementi d’arredo, dei quali abbiamo parlato nello scorso articolo. Voi quali avete scelto?

0 Comments
Share